IRITECNA: LAVEZZARI - RIMANGO AL MIO POSTO (2)
IRITECNA: LAVEZZARI - RIMANGO AL MIO POSTO (2)

(ADNKRONOS) - ''Io mi sono dichiarato pronto -continua Lavezzari- a rinunciare per intero al mio emolumento, mentre gli amministratori delle varie societa', circa 200 dirigenti, dovrebbero ridurre il loro di almeno il 10 per cento. altrimenti come si puo' chiedere agli operai di accettare la cassa integrazione?''.

Lavezzari rinnova, inoltre, le proprie critiche e perplessita' su quelli che sono considerati i business potenziali del gruppo: la costruzione del ponte sullo stretto di messina, gia' oggetto di polemiche tra lo stesso lavezzari e il presidente della societa' stretto di messina Nino Calarco, e la partecipazione nel progetto per la realizzazione delle infrastrutture del sistema ad alta velocita'.

sulla prima questione, ''io non sono contrario al ponte in linea di principio, sono pero' convinto che il ponte in questo momento sarebbe un lusso''.

Sull'alta velocita', Lavezzari rileva che ''l'esperienza dimostra che non e' per niente un affare: sulla media distanza la gente viaggia in aereo, mentre sui tratti corti usa l'auto''. Sarebbe meglio, conclude lavezzari, sfruttare il cabotaggio costiero o mettere la gomma su rotaia.

(red/pan/adnkronos)