ROMANIA: BLOCCATO L'IMPORT DI RIFIUTI TOSSICI
ROMANIA: BLOCCATO L'IMPORT DI RIFIUTI TOSSICI

ROMA, 25 LUG. - (ADNKRONOS) - Lo scandalo dei rifiuti industriali tossici spediti a tonnellate in Romania dalla Germania, dalla Francia, dall' Austria e forse anche dall'Italia, e' stato ''un incidente di percorso''. Da addebitare ''non al Governo di Bucarest, ma a ditte rUmene private''. E comunque da considerare ''chiuso'' IN seguito al ''fermo intervento del Parlamento romeno''.

E' quanto ha dichiarato a Roma Victor Surdu, presidente del Partito democratico agrario romeno, uno dei quattro partiti di governo a Bucarest. In Italia in visita privata - nella capitale Surdu ha incontrato Andreotti e il ministro per il Commercio estero Vitalone - l'uomo politico romeno ha cercato di minimizzare la crisi ecologica iniziata il 17 dicembre scorso.

In tale data, il ministro per l'Ambiente, Marcian Bleahu, aveva chiesto al Parlamento romeno l'approvazione di un progetto per la costruzione di due o tre inceneritori di rifiuti. Le offerte venivano dalla Germania e dall'Italia, e in cambio degli investimenti per le strutture, i romeni si sarebbero impegnati a incenerire le scorie industriali provenienti dall'estero. (SEGUE)

(ARE/ZN/ADNKRONOS)