FOSFATI: VIA DAI DETERSIVI (5)
FOSFATI: VIA DAI DETERSIVI (5)

(ADNKRONOS) - Pagnotta e' tuttavia del parere che finora sia stata operata la scelta piu' semplice (''e' bastato fare una legge che riduceva la quantita' di fosforo nei detersivi - sostiene - e l'industria si e' adeguata in tempo reale''), mentre invece sarebbe il caso di intervenire sulle diverse sorgenti. A cominciare da un uso piu' razionale dei fertilizzanti in agricoltura e dalla realizzazione di impianti idonei per il trattamento dei residui provenienti dalle attivita' metaboliche, che incidono in misura rilevante poiche' ognuno di noi immette nel proprio organismo circa 2 grammi di fosforo al giorno.

Tornando allo studio delle Nazioni Unite, c'e' da dire che esso rileva anche che ''nessun surrogato attualmente impiegato e' in grado di sostituire il tripolifosfato di sodio (Stpp) e di mantenere inalterata l'efficacia di lavaggio del prodotto, senza richiedere una riformulazione della composizione che spesso implica l'uso di co-builders e di altre sostanze''.

A conclusione della loro ricerca, gli esperti dell'Onu evidenziano come ''soltanto ulteriori studi potranno permettere di valutare le conseguenze prodotte sull'ambiente dalla scelta tra i fosfati e i loro surrogati''. Ed intanto - conclude ''territorio e ambiente'' - il dibattito ''fosfati si', fosfati no'' rimane aperto.

(ata/as/adnkronos)