I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Novara. ''Solidarieta' per resistere, per risorgere''. Questo il messaggio che ha lanciato ieri il presidente della Repubblica da Osso del Croveo, dove ha fatto visita alla colonia estiva dei frati cappucini di Domodossola. Il capo dello stato ha voluto anche rispondere alle parole del leghista, Miglio, che aveva auspicato l'abbandono da parte dello stato della sicilia. ''Se qualcuno pensasse di risolvere i problemi stracciando brandelli di patria, non ci sarebbe piu' nemmeno la patria''. Scalfaro poi e' stato ancora piu' esplicito: ''Domenica scorsa l'Italia e' stata insanguinata un'altra volta. Ho detto l'Italia - ha ribadito con forza - non la Sicilia. Quei morti sono di tutta Italia''.

Roma. la massiccia presenza dei militari in Sicilia fa discutere e divide il mondo politico. ''L'iniziativa del governo serve a fronteggiare l'emergenza'', ha detto il Ministro della difesa Ando', ''ma si tratta di riffermare fisicamente la presenza dello Stato, la' dove l'antistato si considera padrone assoluto del territorio e delle coscienze''. Anche nelle opposizioni, dalla rete a rifondazione, non c'e' meno preoccupazione per l'emergenza mafia, anche se si contesta lo strumento adottato. Il pds da parte sua vede come compito primario del governo, quello di ricomporre una forte coscienza nazionale.

Roma. Si apre una settimana particolarmente intensa per il parlamento. prima della pausa estiva, camera e senato dovranno, concludere l'esame di alcuni provvedimenti in materia di lotta alla criminalita' e risanamento economico. Il decreto legge antimafia sara' discusso a partire da domani in commissione giustizia. Il governo potrebbe porre di nuovo la fiducia come ha gia' fatto al senato. Il voto finale potrebbe aversi gia' venerdi'. In commissione intanto si discutera' ancora sull'elezione diretta del sindaco. Per mercoledi' invece in parlamento e' previsto il voto definitivo sul decreto finanziario. (segue)

(red/zn/adnkronos)