SCORTE: SIULP - LE ASSEGNI UN'AUTORITA' CENTRALIZZATA
SCORTE: SIULP - LE ASSEGNI UN'AUTORITA' CENTRALIZZATA

Roma, 27 Lug. (Adnkronos) - Il segretario generale del Siulp (sindacato italiano unitario lavoratori polizia) ha esposto questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa le linee generali delle proposte che fara' al ministro dell'interno mercoledi' mattina. Riferendosi alla situazione delle scorte (una rappresentanza ha partecipato all'incontro) all'indomani dell'attentato al giudice Borsellino, Antonino Lo Sciuto ritiene valido quanto gia' detto in passato al ministro Scotti. Cio' che si chiede a Mancino e' che non assuma solo impegni generici ma si dia dei tempi precisi. ''La scorta -ha detto Lo Sciuto- deve essere efficace, non efficiente. Solo cio' puo' rendere piu' difficile l'attentato''.

Secondo il segretario generale del Siulp le scorte vanno inserite in un contesto di difesa del territorio, a tutt'oggi carente perche' finora si e' puntato esclusivamente sulla tutela individuale: ''la scorta si inserisce infatti in un semi-deserto. E' inutile aumentare i gruppi di fuoco''.

''Certo -ha aggiunto Lo Sciuto- occorrono tempi lunghi per una riforma complessiva. Per ora occorre creare una cultura della legalita'. Solo la difesa collettiva puo' essere una seria garanzia della difesa individuale rendendo a quel punto la scorta una eccezione''.

Il segretario del Siulp nota soprattutto l'esigenza di un'autorita' centralizzata che decida se e a chi assegnare la scorta: ''si tratta di superare un'ottica provinciale ed arrivare ad un modello che abbia al centro il ministero. La responsabilita' dell'assegnazione non puo' essere dei comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica''. (segue)

(Red/gs/adnkronos)