MOSTRE: I CAPOLAVORI DEL MUSEO PUSKIN AD AOSTA
MOSTRE: I CAPOLAVORI DEL MUSEO PUSKIN AD AOSTA

Aosta, 4 ago. (adnkronos) - Sono oltre 900 le persone che hanno visitato ad Aosta, al centro saint Benin, la mostra ''Uomini, santi e draghi'' dedicata ai capolavori dell'arte italiana. L'esposizione documenta ben cento opere, per lo piu' inedite, di artisti italiani attivi tra la fine del 1400 e il 1700. Tutte le opere (disegni ad inchiostro e matita, acquarelli, tempere, tecniche miste) provengono dal celebre museo Puskin di Mosca, secondo solo, per importanza e livello artistico, al prestigioso Hermitage di San Pietroburgo.

Le opere firmate dagli artisti del rinascimento sono presentate per la prima volta tutte assieme al pubblico italiano. La mostra riassume, attraverso disegni che tornano dopo secoli ai luoghi d'origine, un periodo tra i piu' creativi della nostra storia artistica.

Qualche nome? Il parmigianino, il lato dolce del manierismo, Giulio Romano allievo di Raffaello, Taddeo Zuccari che porta all'apice l'espressione del manierismo romano. Per il '600 Giovanbattista Della Rovere, il Guercino, Guido Reni, Giuseppe Cesari con la famosa ''vocazione di san Matteo''. Per il 18imo secolo Giambattista e Giandomenico Tiepolo, e Giovanbattista Piranesi con due paesggi inediti.

Molti gli studiosi presenti tra il folto pubblico che ha raccolto con curiosita' l'invito a questo viaggio a ritroso nella storia artistica italiana. L'esposizione rimane aperta fino al mese di novembre.

(bdp/as/adnkronos)