CN DC: PER MANNINO E ROGNONI ESITO NON DEL TUTTO SCONTATO
CN DC: PER MANNINO E ROGNONI ESITO NON DEL TUTTO SCONTATO

ROMA, 4 AGO. (ADNKRONOS) - NON E' POI COSI' SCONTATO L'ESITO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEMOCRISTIANO CHE TORNERA' A RIUNIRSI VENERDI' PROSSIMO. A SOSTENERLO SONO DUE ESPONENTI DELLA ''SINISTRA'' DEL PARTITO, GLI EX MINISTRI MANNINO E ROGNONI.

MANNINO RIBADISCE OGGI LE CRITICHE ALLA LINEA ESPRESSA DAL SEGRETARIO FORLANI NELLA SUA RELAZIONE DI APERTURA DEL CN. ''FATTA SALVA LA RATIFICA DELLA SOLUZIONE DELLA CRISI DI GOVERNO - DICE MANNINO - E' DIFFICILE APPREZZARE L'INTERVENTO DI FORLANI''. PER MANNINO QUALCOSA AL CONSIGLIO NAZIONALE PUO' ANCORA ACCADERE, PERCHE' ''IL DIBATTITO E' APPENA STATO AVVIATO'' E PERCHE' ''NON SONO IN VISTA ACCOMODAMENTI DI SORTA'', TALI DA ''RAFFREDDARE'' IL CONFRONTO INTERNO FINO AL PROSSIMO CONGRESSO.

ANCHE VIRGINIO ROGNONI NON VEDREBBE DI BUON OCCHIO SOLUZIONI QUALI UN ALLARGAMENTO DELL'UFFICIO POLITICO O LA NOMINA DI DUE VICESEGRETARI DA AFFIANCARE A MATTARELLA E LEGA. ''ALTRI DUE VICESEGRETARI? E' ROBA VECCHIA'', TAGLIA CORTO ROGNONI. E AGGIUNGE: ''SONO COSE CHE NON FUNZIONANO PIU' E NON E' CERTO DI QUESTO CHE LA DEMOCRAZIA CRISTIANA HA BISOGNO IN QUESTO MOMENTO. OCCORRE INVECE DARE UN SEGNALE FORTE DI NOVITA'''.

(FER/GS/ADNKRONOS)