null
null

(ADNKRONOS) - LO 'SBAGLIO' DEL PDS, PER DI DONATO, E' STATO DI NON COMPRENDERE CHE LE OFFERTE FATTE DAL PSI AGLI ALTRI PARTITI PER INIZIATIVE POLITICHE COMUNI A PARTIRE DAL 5 APRILE, NON AVEVANO ''ALCUNA PRETESA EGEMONICA MA INVECE UNA FORTE DISPONIBILITA' UNITARIA PER UN CAMMINO FATTO DI TAPPE E PROBABILMENTE DI SOSTE, MA VOLTO A SCRIVERE UNA PAGINA NUOVA NELLA STORIA POLITICA ITALIANA. SENZA RINUNCIARE E ANZI RICERCANDO UN CONFRONTO COSTRUTTIVO ANCHE CON ALTRE FORZE DI ISPIRAZIONE DEMOCRATICA E LAICA. FUORI DALLO SCHEMA DEL QAUDRIPARTITO E DI QUELLO ANCORA PIU' VECCHIO DI STAMPO CONSOCIATIVO. CON LA DC, INELUDIBILE RIFERIMENTO PER ALLEANZE DI GOVERNO, MA SU UN PIANO DI RAPPORTI DI FORZA COMPLETAMENTE ROVESCIATO''.

IN QUESTO CONTESTO, PER DI DONATO, ANCHE LA RIFORMA DEI PARTITI DOPO IL CASO MILANO, LA RIFORMA ISTITUZIONALE E I CONTRASTI SULLA RIFORMA ELETTORALE AVREBBERO TROVATO ''PIU' FACILE COMPOSIZIONE''. MA, SCRIVE DI DONATO, ''ERA UN SOGNO IRREALIZZABILE'' COME HA DIMOSTRATO UN ''ALTRO SOGNO, QUELLO DI OCCHETTO, DI POETICA REMINISCENZA DANTESCA CHE SI E' INFRANTO RAPIDAMENTE ALLA LUCE DEL RESPONSABILE E COSTRUTTIVO ATTEGGIAMENTO DELLA CGIL NEL NEGOZIATO SUL COSTO DEL LAVORO''.

DI DONATO PARLA, A QUESTO PROPOSITO, DI ''FUGA DALLA REALTA' DI OCCHETTO PER METTERE INSIEME PDS, LA MALFA, RUTELLI, SEGNI, MARTELLI, ORLANDO E SEGNI: FARNETICAZIONI GENERICHE SU ALTERNATIVE OGGI IMPOSSIBILI''. E COSI' INTERPRETA ANCHE LE CRITICHE AL DOCUMENTO DI CRAXI, DEL QUALE NON SI E' COMPRESO, FRA L'ALTRO, CHE ''LA SALVAGUARDIA DEL PRINCIPIO PROPORZIONALE NON ESCLUDE AFFATTO UNO SCHEMA MAGGIORITARIO AD UN SECONDO TURNO''. (SEGUE)

(POL/PAN/ADNKRONOS)