CINEMA: A FONDI UN OMAGGIO A ELIO PETRI (2)
CINEMA: A FONDI UN OMAGGIO A ELIO PETRI (2)

(adnkronos) - e' del '61 il suo primo film a soggetto, ''l'assassino'', che introduce il tema delLA doppia personalita'. del '62 ''i giorni contati'' - secondo film della rassegna - dove lo spaesamento del protagonista appena licenziato e' reso piu' drammatico da una torrida roma d'agosto dei primi anni '60.

petri realizza in seguito film d'esito alterno: ''il maestro di vigevano'' del '63 dall'omonimo romanzo di lucio mastronardi, interpretato da alberto sordi e appartenente al filone della commedia all'italiana, e ''la decima vittima'', messinscena del '65 del racconto fantascientifico di robert sheckley. nel '64 ''peccato nel pomeriggio'', episodio di ''alta infedelta''': una storia umoristica sulla ''malattia dei sentimenti''.l'impegno civile e' scelto definitivamente con ''a ciascuno il suo'' dall'omonimo romanzo di sciascia, e ''un tranquillo posto di campagna'', parabola allegorica della condizione dell'artista nella societa' contemporanea.

nel '70 petri gira ''indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto'', protagonista gian maria volonte', col quale vince l'oscar per il miglior film straniero. nel '71 ''la classe operaia va in paradiso'', palma d'oro al festival di cannes. le stesse tematiche vengono riproposte in chiave farsesca in ''la proprieta' non e' piu' un furto'' , del '76, e ''toto modo'', da un romanzo di sciascia, violento atto d'accusa contro la classe dirigente democristiana. (segue)

(red/as/adnkronos)