FUNARI: PARLA AI MICROFONI DI ITALIA RADIO
FUNARI: PARLA AI MICROFONI DI ITALIA RADIO

ROMA, 5 AGO. - (ADNKRONOS) - ''La fininvest ha detto che io ho sbattuto la porta in faccia a loro e a Berlusconi dando le dimissioni, mentre in effetti avevo ricevuto una lettera di licenziamento, quindi mi sono rivolto al pretore che ha detto che i motivi da loro addotti affinche' io lasciassi la trasmissione non erano giustificabili, quindi mi ha dato ragione''. Cosi' Gianfranco Funari si espresso questo pomeriggio ai microfoni di Italia Radio, la radio del Pds, spiegando agli ascoltatori il motivo per cui e' stata interrotta la sua trasmissione televisiva 'Mezzogiorno italiano' in onda su Italia Uno.

''A questo punto avrei anche potuto accontentarmi - ha aggiunto il presentatore televisivo - perche' in effetti io volevo far sapere che sono una persona corretta e cosi' mi ero comportato con la Fininvest. Ma gli atteggiamenti della rete mi hanno convinto che non e' giusto che due milioni e mezzo di spettatori vengano privati di questo modo di fare televisione, come non e' giusto che io non abbia il mio lavoro. Io sicuramente non mollo. Ho avuto proprio la sensazione netta che questa e' una vera e propria censura''. Funari ha poi detto di non sapere a chi possa dare fastidio la sua trasmissione: ''forse saranno state le domande fatte al pubblico, sinceramente non lo so''.

''Forse - ha proseguito funari - la nostra trasmissione diventava una radiografia dell'operato del potere, lo stava diventando in modo massiccio, perche' nel suo meccanismo c'erano tutte le coordinate dell'informazione. Io avevo nel mio studio i giornalisti, i politici ed il pubblico che faceva le domande. Avevo messo insieme tutte queste coordinate. Il meccanismo era diventato prorompente e si avvicinava sempre di piu' alla verita' ''.

(red/as/adnkronos)