I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Sarajevo. La capitale bosniaca e' stata nuovamente bersaglio dell'artiglieria serba. durante i funerali dei due piccoli orfani uccisi dai cecchini domenica scorsa, I franchi tiratori hanno aperto il fuoco sparando all'impazzata dentro al cimitero, ferendo gravemente la nonna di una delle piccole vittime. Intanto Si e' concluso con l'arrivo in Germania, il viaggio dei 40 orfani bosniaci. La violenza dei bombardamenti sulla capitale bosniaca ha spinto l'Onu ad ordinare la sospensione di tutte le attivita' dei caschi blu all'aeroporto. L'ordine e' arrivato dal segretario generale Boutros Ghali; nelle prossime ore il comandante delle forze onu decidera' un nuovo dispiegamento dei caschi blu.

Houston. Suspance nello spazio durante il lancio del satellite 'al guinzaglio', la parte italiana della missione dello Shuttle Atlantis. il Tethered era stato issato sul traliccio di partenza, ma prima dell'Ok per l'accensione dei razzi ecco l'intoppo: un cavo che serviva ad inviare i comandi operativi al satellite non si sganciava. Risolto questo problema e' arrivato un nuovo stop a causa di un problema nel filo che tratteneva il satellite. Solo dopo un'ora il Tethered e' riuscito a partire.

Citta' del Vaticano. Il sottosegretario per i rapporti con gli stati del Vaticano, Monsignor Claudio Maria Celli, si rechera' a gerusalemme il prossimo novembre per il proseguimento dei colloqui avviati da Israele e Santa Sede mercoledi' 29 luglio scorso nel palazzo apostolico. Lo ha dichiarato all'Adnkronos il portavoce dell'ambasciata israeliana in Italia, Raphael Gamzou.

Mosca. Boris Eltsin avanzera' una ''sostanziale proposta'' per risolvere la questione delle isole Kurili durante il suo viaggio in Giappone programmato per la meta' di settembre. Lo ha annunciato il suo vice primo ministro, Mikhail Poltoranin che ha ribadito la volonta' di Mosca di ''utilizzare la logica ed il buon senso'' per porre fine alla disputa territoriale sulle quattro isole giapponesi occupate dalle truppe sovietiche al termine della seconda guerra mondiale.

Johannesburg. Quaranta persone sono morte in Sudafrica nei due giorni di sciopero indetti dall'Africa National Congress, per costringere il governo di Frederik De Klerk a lasciare la guida del paese ad una amministrazione transitoria. Ma l'agitazione non e' finita: per il resto della settimana , l'Anc ha indetto una serie di manifestazioni, sit-in ed occupazioni simboliche di edifici governativi per mantenere sotto pressione il governo di Pretoria. (segue)

(red/gs/adnkronos)