MANOVRA: GLI EMENDAMENTI DEL GOVERNO (2) - FINANZA LOCALE
MANOVRA: GLI EMENDAMENTI DEL GOVERNO (2) - FINANZA LOCALE

(Adnkronos) - All'articolo della legge delega sulla finanza locale il governo ha presentato tre emendamenti: due all'Ici e uno all'imposta su gas ed energia elettrica. Per quanto riguarda l'imposta comunale sugli immobili il governo propone di elevare la forbice dell'aliquota della nuova tassa dall'attuale 3-5 per mille al 4-6 per mille del valore dell'immobile. Inoltre per quanto riguarda i riflessi sul bilancio dello stato la nuova versione del comma 1 lettera E.1 dell'art. 4 prevede la detrazione dai trasferimenti erariali dallo stato ai comuni per gli anni 93-94 di un importo pari al gettito dell'Ici calcolato sulla base dell'aliquota del 4 per mille ridotta della perdita derivante dalla soppressione dell'Invim.

Per gli anni 1995 e successivi la detrazione dai trasferimenti erariali resta determinata nella misura applicata per l'anno 1994. I trasferimenti statali, sottolinea l'emendamento, dovranno comunque assicurare ai comuni che applicano l'Ici con l'aliquota del 6 per mille un complesso di risorse pari ai trasferimenti correnti attribuiti nel 92 incrementati progressivamente del tasso programmato di inflazione. Anche l'imposta su gas ed energia elettrica per usi domestici subisce, nella nuova versione, un consistente ritocco. Il governo infatti propone di estendere l'imposta, prevista in un primo momento solo per le province in misura non eccedente l'1 per cento anche alle regioni a steatuto ordinario. Le regioni in particolare potranno determinare con proprie leggi una imposta proporzionale o progressiva in misura non eccedente il 6 per cento. L'aliquota per le province resta ferma all'1 per cento. (segue)

(Ric/PE/Adnkronos)