SECIT: INVIATA A GORIA LA RELAZIONE ANNUALE (2)
SECIT: INVIATA A GORIA LA RELAZIONE ANNUALE (2)

(adnkronos) - Incisiva e' risultata l'azione di controllo sull'attivita' di accertamento degli uffici e di verifica della guardia di finanza, ''che rappresenta uno dei compiti primari del servizio'', volte pArticolarmente verso gli uffici di grandi dimensioni, non ispezionati di recente.

Analizzando i dati di consuntivo dell'attivita' degli uffici e della guardia di finanza risulta che, nel 91, sono stati effettuati circa 416 mila controlli nel settore delle imposte dirette e oltre 205 mila in quello dell'iva, con aumenti, rispetto all'anno precedente, rispettivamente del 31 e dell'11 p.c.

dall'altro lato si e' avuto un aumento anche del recupero di maggiori imposte accertate che, per il settore delle imposte dirette e' stato di 11 mila miliardi, con un aumento del 75 per cento sull'anno precedente, e che per l'iva ha comportato un recupero di maggiore imposta per 2.000 miliardi (il 27 p.c. in piu') a cui vanno aggiunti 5.600 miliardi per pene pecuniarie e versamenti spontanei. I finanzieri, nello stesso periodo, hanno effettuato circa 12.400 verifiche, constatando ''recuperi di imponibile per imposte dirette di circa 10 mila 330 miliardi ed una maggiore iva imponibile di oltre 970 miliardi''.

Il secit, nel 91, ha effettuato circa 283 verifiche straordinarie, in cerca di grandi fenomeni evasivi, verificando l'esistenza di diversi aspetti interessanti. Fra questi, la prassi diffusa, nel settore caseario, di non contabilizzare le entrate, poi riciclate 'in nero'; la rilevanza assunta dalle royalties nel settore della moda, che in molti casi prefigurano situazioni evasive; l'esigenza di attuare piu' rigide procedure di controllo nel campo della intErmediazione immobiliare.

(red/PE/ADNKRONOS)