SOMALIA: BATTAGLIA PER GLI AIUTI - 30 MORTI
SOMALIA: BATTAGLIA PER GLI AIUTI - 30 MORTI

Nairobi, 17 ago (adnkronos/dpa)- La guerra porta la fame e la fame la guerra. Il circolo vizioso che sta dissanguando la Somalia ha compiuto un pernicioso salto di qualita' nella citta' meridionale di Baidoa, dove 30 persone sono rimaste uccise in una battaglia per gli aiuti internazionali tra due gruppi armati che avevano derubato un convoglio umanitario delle Nazioni Unite. Nel vicino porto di Kismayo, i banditi hanno saccheggiato ieri un cargo noleggiato dal Programma Alimentare Mondiale dell'Onu, portandosi via carburante e 200 tonnellate di generi alimentari.

A Mogadiscio - dilaniata da novembre dalla guerra civile tra il clan Hawiye Haberghebir del generale Mohammed Farah Aidid e gli Hawiye Abgal del ''presidente'' Ali Mahdi Muhammad - tre persone sono rimaste uccise nel porto in uno scontro a fuoco tra due gruppi armati che si contendevano il diritto di ''supervisionare'' le operazioni di sbarco degli aiuti. Sempre nella capitale, un convoglio di autocarri e' caduto in un'imboscata tesa lungo la ''linea verde'' che separa la citta' tra i il Nord in mano agli Abgal ed il Centro-Sud controllato da Aidid. Nel frattempo in Kenya, il Pentagono ha approntato il ponte aereo che trasportera' nei prossimi giorni a Mogadiscio i 500 caschi blu pakistani il cui invio e' stato concordato dall'Onu e da Aidid.

(lun/as/adnkronos)