SCUOLA: MISSAGLIA (CGIL) - LIBRI, SORVEGLIARE I PREZZI
SCUOLA: MISSAGLIA (CGIL) - LIBRI, SORVEGLIARE I PREZZI

ROMA, 17 SET. (ADNKRONOS) - ''SI CONFERMA IN QUESTI GIORNI -HA DETTO DARIO MISSAGLIA, SEGRETARIO GENERALE DELLA CGIL-SCUOLA- CHE E' IN ATTO UNA INACCETTABILE MANOVRA SPECULATIVA DA PARTE DI ALCUNE CASE EDITRICI IN ORDINE AI PREZZI E ALLE RIEDIZIONI DEI LIBRI DI TESTO. CHE UNO STUDENTE DI PRIMA SECONDARIA SUPERIORE DEBBA SPENDERE FRA LE 550 E 650.000 LIRE PER I LIBRI, E' UN'ARBITRARIA TASSA AGGIUNTIVA SUL DIRITTO ALLO STUDIO. L'AUMENTO DEI PREZZI DEI LIBRI RISULTA MEDIAMENTE PARI AL DOPPIO DEL TASSO PROGRAMMATO DI INFLAZIONE, MENTRE PROLIFERANO RIEDIZIONI ESCLUSIVAMENTE FINALIZZATE AD IMPEDIRE IL RIUTILIZZO DI EDIZIONI GIA' ADOTTATE''.

''IN QUESTA FASE COSI' DRAMMATICA DELAL VITA ECONOMICA DEL PAESE -HA AGGIUNTO- NESSUNO PUO' PROCEDERE A BRIGLIE SCIOLTE. OCCORRE INTRODURRE SUBITO FORME DI SORVEGLIANZA DEI PREZZI DEI LIBRI DI TESTO E UN'INDAGINE SUL CAMPO, SENZA TIMORE DI PRENDERE IN CONSIDERAZIONE EVENTUALI SANZIONI OVE RISULTASSERO EVIDENTI FENOMENI SPECULATIVI''. CONSIDERO GRAVE L'INSENSIBILITA' DELLE CASE EDITRICI.

(RED/PE/ADNKRONOS)