TANGENTI: MATTEOLI (MSI) SU ARRESTI IN TOSCANA
TANGENTI: MATTEOLI (MSI) SU ARRESTI IN TOSCANA

Roma, 26 Ott. (Adnkronos) - Altero Matteoli, deputato e membro dell'ufficio politico del Msi, rivendica in una dichiarazione di aver lanciato da mesi l'allarme circa gli stanziamenti della diga del Bilancino a seguito dei quali la magistratura di Firenze ha oggi deciso l'arresto di 13 persone, fra le quali l'ex presidente della giunta regionale toscana Marco Marcucci del Pds. ''Sia il 20 luglio che il 20 agosto di quest'anno -afferma Matteoli- avevo dichiarato in aula alla camera che fare uleriori stanziamenti per la diga del Bilancino era scandaloso. Lo dimostrano i sigilli che la magistatura aveva apposto sin dalla fine del 91 ai siti di escavazione di inerti e le accuse rivolte ai proprietari''.

Secondo Matteoli, la vicenda della diga -che sarebbe dovuta costare 280 miliardi -mentre oggi si dice che per il completamento ne occorreranno almeno 700- e' legata ad una sorta di ''compromesso storico tra l'allora sottosegretario all'ambiente, il dc Piero Angelini, che ha fatto arrivare un finanziamento di 110 miliardi un mese prima della chiusura delle cave da parte della magistratura, e Marco Marcucci presidente della regione''.

Matteoli si augura inoltre che ''ora la magistratura indaghi anche sull'operazione Fiat-Fondiaria nel comune di Firenze, gia' oggetto -ricorda- di pesanti polemiche all'interno del Pds e di prese di posizione dello stsso segretariO di quel partito Achille Occhetto''.

(Red/PE/Adnkronos)