I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Roma. Rosa Russo Jervolino e' il nuovo presidente del consiglio nazionale della Dc. Il parlamentino scudocrociato l'ha eletta per acclamazione su proposta del segretario Mino Martinazzoli. Appena aperta la seduta, Martinazzoli ha indicato il nome del ministro della Pubblica Istruzione come candidato alla presidenza. Un lungo applauso del consiglio nazionale ha di fatto portato per la prima volta una donna alla presidenza di un partito politico in Italia. In un breve intervento, Rosa Jervolino ha sottolineato come la situazione politica sia particolarmente ''drammatica'' e richieda l'impegno di tutti nella Dc per affrontarla con successo. Martinazzoli ha poi proposto una direzione dello Scudo crociato dimezzata da 30 a 15 membri, capace di riunirsi piu' frequentemente e di dare indirizzi univoci al partito. Ma le resistenze delle correnti e la riproposizione degli stessi nomi del passato - che rischiavano di impegnare la segreteria in un duro braccio di ferro - hanno convinto Martinazzoli a fare marcia indietro, rinviando la questione alla prossima direzione, convocata per venerdi'.

Roma. La riunione unitaria delle segreterie Cgil, Cisl e Uil prevista per ieri e' stata annullata. I vertici sindacali avrebbero dovuto discutere della messa a punto di una posizione comune su come proseguire la lotta per sostenere le richieste di modifiche alla manovra del governo. A determinare il nuovo scontro all'interno del sindacato e' stata la decisione della Cgil di appoggiare lo sciopero indetto da 160 consigli di fabbrica, non condivisa da Cisl, Uil e dalla componente socialista della Cgil. Sia Cisl che Uil hanno ribadito la necessita' di difendere l'unita' sindacale, ma nello stesso tempo sono state estremamente dure nel condannare la decisione della segreteria Cgil di ieri: ''Si tratta di una iniziativa unilaterale e lesiva degli impegni unitari, una decisione grave sia nel metodo che nel merito. Ancora una volta le altre confederazioni sono state poste davanti al fatto compiuto''.

Roma. ''La serrata e' l'unica risposta che il mondo produttivo della piccola e media impresa del commercio, del turismo e dell'artigianato puo' dare contro la campagna di criminalizzazione di queste categorie''. Cosi' ha affermato in un comunicato la Confesercenti della provincia di Roma, respingendo nello stesso tempo ''il tentativo di addossare sui lavoratori autonomi la colpa dell'evasione fiscale nel nostro Paese''. ''Le imprese commerciali e turistiche -aggiunge la Confesercenti- non sono preoccupate tanto della minimum tax, quanto del potere taumaturgico che il governo vuole assegnare a questo strumento medievale che dimostra il fallimento delle politiche fiscali portate avanti negli ultimi 10 anni''. Contro la manovra economica del governo, le organizzazioni dell'artigianato hanno proclamato una manifestazione nazionale che si svolgera' domani alle ore 10 a Roma. Oltre 40 mila artigiani sfileranno in corteo dal Colosseo a piazza SS. Apostoli.

Trento. ''Onesti e bravi meridionali fate un atto di coraggio e tornate a casa, la povera gente delle vostre terre ha bisogno di voi'': questo il contenuto di un manifesto affisso in tutto il Trentino e in altre province settentrionali dai Giovani del Nord, il movimento giovanile della Lega Nord di Umberto Bossi. L'appello porta a caratteri cubitali la scritta 'Emergenza'.

Roma. Un ''fiocco rosa'' potrebbe, tra breve, ''rallegrare'' il panorama politico italiano. Dopo anni di incertezze e di alleanze con i partiti maggiori la Federcasalinghe ha deciso di dar vita ad un vero e proprio ''movimento politico delle donne''. L'annuncio della nascita, il programma e le mete di questo nuovo nato verranno resi noti domani sera dalla presidente dell'associazione, Federica Rossi Gasparrini, nel corso del quinto congresso nazionale, che si terra' a Roma.

Milano. Richiesta boom per all'asta dei bot. A fronte di 47 mila miliardi di titoli offerti, la domanda e' stata addirittura di 62 mila miliardi, facendo scendere di conseguenza i tassi di interesse di quasi il 3 per cento. Lira stabile sui mercati valutari internazionali, con qualche progresso sulla divisa statunitense. Secondo la rilevazione giornaliera della Banca d'Italia, ieri per comprare un dollaro occorrevano 1331 lire contro le 1337 di ieri. Pressoche' invariati i rapporti con le altre principali valute. Il marco tedesco e' stato scambiato a 866 lire rispetto alle 865 di ieri. Il franco francese e' stato trattato per 255 lire sulle 254 di ieri, la sterlina a 2.094. Quanto alla Borsa, l'indice mib di Piazza Affari ha registrato una lieve diminuzione, pari allo 0,2 per cento. (segue)

(RED/GS/ADNKRONOS)