FIDIA: BILANCIO IN CALO- STRETTA ALL'OCCUPAZIONE
FIDIA: BILANCIO IN CALO- STRETTA ALL'OCCUPAZIONE

PADOVA, 29 OTT (ADNKRONOS) -LA FIDIA, UNO DEI PRIMI GRUPPI FARMACEUTICI ITALIANI, DOVREBBE CHIUDERE IL BILANCIO '92 CON UNA FLESSIONE DEL 10 P.C. RISPETTO AI 422 MILIARDI DEL 91, PROBABILMENTE A CAUSA DELLA MANCATE VENDITE DEL 'CRONASSIAL', IL PREPARATO PRINCIPE DELL'AZIENDA VENETA.. IL VALORE DI MERCATO DELL'AZIENDA E' SCESO NEL CORSO DELL'ULTIMO BIENNIO E VOCI DI TRATTATIVE AVVIATE CON MULTINAZIONALI SVIZZERE E USA SI SUCCEDONO DI GIORNO IN GIORNO.

QUANTO ALLE NUMEROSE DIRAMAZIONI ESTERE DELLA FIDIA, E' ALLO STUDIO UN PIANO DI CONTENIMENTO DEL BUDGET CHE 'INGOIA' MILIONI DI DOLLARI PER LE COLLABORAZIONI AVVIATE A WASHINGTON, PECHINO, MOSCA. LA FIDIA STA TENTANTO DI ARGINARE LA CRISI AVVIANDO NUOVE PARTNERSHIP ACQUISENDO I DIRITTI PER LA COMMERCIALIZZAZIONE DI FARMACI NON OTTENUTI DALLA RICERCA INTERNA.

PER USCIRE DALLA CRISI IL GRUPPO FARMACEUTICO PUNTA ANCHE AD UNA RISTRUTTURAZIONE INTERNA: CON LA MESSA IN MOBILITA' DI ALMENO 100 DIPENDENTI SU UN TOTALE DI 1500, MENTRE NON SONO STATI CONFERMATI I 50 CONTRATTI DI FORMAZIONE LAVORO.

(DAC/BB/ADNKRONOS)