NOMINE BANCARIE: DOMANI (3) - MANFREDI E TURCI
NOMINE BANCARIE: DOMANI (3) - MANFREDI E TURCI

(adnkronos) - nel sistema delle casse di risparmio, ''esistono degli statuti che hanno gia' previsto l'incompatibilita' tra presidenza della fondazione e quella della societa', mentre altri non prevedono l'incompatibilita''', ha spiegato il presidente della commissione, manfredi, aggiungendo che ''il ministro si e' riservato di poter imporre nell'arco di un anno l'adeguamento di tutti gli stastuti alla norma dell'incompatibilita'''.

per il cicr di domani, che dovrebbe avviare le nomine, ci sono comunque ''garanzie'' contro la lottizzazione: il ministro ci ha assicurato che l'indicazione sara' rigorosamente di competenza della banca d'italia''. spettera' poi alla commissione finanze fornire un parere sulle nomine, una volta che il comitato le avra' effettuate.

perplessi, invece, i partiti di opposizione: per il pds, i criteri per le nomine bancarie sono ''ancora estremamente fumosi'', per esempio, sottolinea lanfranco turci, sulla questione della della duplicita' degli incarichi. ''l'impressione -ha detto turci- e' che ci sia una forte pressione in loco a mantenere il doppio incarico e che non ci sia una posizione ferma del governo per una netta divisione degli incarichi''.

quanto al ruolo della banca d'italia, ''secondo l'interpretazione che il ministro da' della legge amato, la nomina del presidente delle fondazioni sarebbe una nomina strettamente amministrativa e non di tipo bancario, quindi -ha spiegato turci- fa capo al ministro e non ad altri soggetti. quasi tutti gli statuti delle fondazioni, tuttavia, indicano parametri bancari per la nomina del presidente della fondazione ed allora il ministro chiedera' in questi casi preliminarmente una rosa di nomi alla banca d'italia, e su base scegliera'''.

(kat/AS/ADNKRONOS)