G7: IN CRISI TUTTI E SETTE I LEADER (2)
G7: IN CRISI TUTTI E SETTE I LEADER (2)

(ADNKRONOS) - Helmut Kohl- Tutto gli e' andato bene, nota il Guardian, durante il processo di riunificazione delle due Germanie. Poi sono arrivati i guai. Adesso si trova a fare i conti con i problemi derivati dalla fusione tra l'ovest ricco e l'est povero, con inquietanti rigurgiti nazionalisti di estrema destra e di estrema sinistra e con la crescente impopolarita' all'estero delle manovre della Bundensbank. Questa settimana ha minacciato di imporre nuove tasse per ricostruire l'economia dell' ex rdt.

Brian Mulroney- Ha ancora un anno di vita come primo ministro. A infliggergli il colpo mortale e' stato il risultato del referendum sul pacchetto di riforme costituzionali di Charlottetown. Anche se il suo partito continua a sostenerlo, certamente non gli consentira' di mantenere ancora la leadership.

Francois Mitterrand- In base alla costituzione e' destinato a rimanere presidente per altri tre anni. Se riuscira' effettivamente a reggere e' un altro conto. E' malato e il suo partito sta attraversando una profonda crisi. Il referendum sul trattato di Maastrict da lui voluto come test elettorale ha rischiato di ritorceRglisi contro.

Kiichi Miyazawa- Il suo partito non e' piu' invincibile come un tempo, ma profondamente diviso e sconvolto da scandali. E il suo governo non ha quell'unita' necessaria da consentirgli una gestione serena del potere. (segue)

(iac/PE/ADNKRONOS)