BOSNIA: JAICE IN MANO AI SERBI
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


BOSNIA: JAICE IN MANO AI SERBI

Capodistria, 30 ott. (Adnkronos) - Da ieri mattina la citta' di Jaice, a meta' strada tra Banja Luka e Sarajevo, e' controllata dalle forze serbe. I difensori croati e musulmani e la popolazione civile si sono ritirati verso Travnik. Si conclude cosi' la battaglia per quello che fonti serbe definiscono il ''confine meridionale della Krajna'', con capoluogo Banja Luka. Finora non vi sono bilanci sull'operazione militare il cui esito e' stato favorito anche dai sanguinosi scontri nella Bosnia centrale tra croati e musulmani.

Intanto si registrano intensi bombardamenti serbi anche su Gradacac, Maglaj e Sarajevo. Nella capitale si svolgono nuove consultazioni tra delegazioni militari musulmana, serba e croata che avrebbero concordato l'apertura di corridoi umanitari per alcuni quartieri assediati.

Mentre i serbi bosniaci ribadiscono il loro ''no'' al nuovo piano sull'assetto interno del Paese, il leader dei croati bosniaci Mate Boban ha fatto sapere che il documento ''e' una buona base per i negoziati''. in una dichiarazione rilasciata a Ginevra, ha pero' sottolineato che ''il paese dovrebbe essere composto da tre entita' statali che rispettino la composizione etnica''. Nessuna reazione ufficiale finora da parte dei dirigenti musulmani. Nel contempo il parlamento europeo ha varato una nuova risoluzione sulla crisi nei Balcani nella quale la strategia della Cee viene sottoposta ad esplicite critiche per le reazioni tardive agli sviluppi bellici, soprattutto in Bosnia. (segue).

(dac/as/adnkronos)