JAZZ: LUNEDI' L' 'ITALIAN GUEST STARS FESTIVAL'
JAZZ: LUNEDI' L' 'ITALIAN GUEST STARS FESTIVAL'

Roma, 28 nov -(adnkronos)- Tutto e solo jazz italiano al teatro olmpico di roma per la serata dell''italian guest stars festival'' di lunedi 30 novembre. Sara' una serata unica, a livello nazionale, e sul palco si alterneranno alcuni dei nomi piu' prestigiosi del nostro panorama jazzistico: Enrico Rava, Franco D'Andrea, Giovanni Tommaso, Roberto Gatto, Massimo Urbani, Danilo Rea e Maurizio Giammarco. Tutti artisti che, grazie anche alle loro collaborazioni con i grandi del jazz, si sono imposti sullo scenario internazionale, dando risalto ed autorevolezza alla musica italiana nel mondo.

Massimo Urbani, di cui e' uscito da poco il cd ''Round about Max'', suona il sax alto e la sua passionaccia per il jazz e' nata quando era bambino e sentiva la banda nel paese di suo nonno. Romano 'de roma', figlio di un infermiere del Santa maria della Pieta',da piccolo suonava il clarinetto nella banda della parrocchia di nostra signora di Guadalupe, nel quartiere Monte Mario. A 14 anni la svolta: entra come auditore all'accademia di s.cecilia e gia' l'anno dopo e' ''primo sax alto'' nell'orchestra jazz diretta dal maestro Giorgio Gaslini. Per Urbani, 35 anni, il jazz non e' solo la musica dei quarantenni: ''Se la musica e' bella, piace anche ai giovanissimi, perche' il jazz e' anticonformista, progressista e non e' possibile non amarlo. Charlie Parker, Sonny Rollings e Lester Young sono i preferiti, a parte jimi Hendrix naturalmente, per il suo rapporto con lo strumento''. Tra gli italiani i piu' bravi per Urbani sono Pino Daniele, Lucio Dalla e Luciano De Crescenzo ed anche la musica leggera ha un posto importante nel suo repertorio, tanto e' vero che lunedi' prossimo proporra' una versione swing di ''roma nun fa la stupida stasera''.

(pag/zn/adnkronos)