PSI: DI DONATO SU CRAXI, NON MI E' PIACIUTO
PSI: DI DONATO SU CRAXI, NON MI E' PIACIUTO

Genova, 28 Nov. (Adnkronos) - Erano Giulio Di donato, vicesegretario dimissionario del partito, e Mauro Sanguineti, deputato genovese, gli unici due esponenti della minoranza presenti al teatro Carlo Felice di Genova, dove Bettino Craxi ha celebrato i cento anni di storia del Psi. E il discorso del segretario non e' piaciuto ne' all'uno, ne' all'altro.

Spiega Di donato: ''la prima parte, quella storica e rievocativa, e' molto bella. La seconda era invece una ripetizione di quanto detto all'assemblea nazionale. Quindi, non mi e' piaciuta''. A chi gli chiede poi di commentare il passaggio in cui Craxi rievoca una storia di scissioni e divisioni fra i socialisti che ha portato soltanto a sconfitte, Di Donato risponde: ''quella parte e' una caduta di tono. Questa storia della scissione una settimana fa era una idiozia, adesso puo' diventare una provocazione''.

Anche Sanguineti definisce ''puntuale e precisa'' la ricostruzione storica dei cento anni del Psi che, dice, ''mette in evidenza la vittoria del socialismo sul comunismo e sulle altre tendenze della sinistra''. Ma considera ''di grande debolezza'' la parte relativa all'attualita' politica: ''un discorso difensivo e giustificazionista'', commenta Sanguineti che, quanto al rischio della divisione, aggiunge: ''e' vero, siamo divisi. Ma Craxi deve chiedersi perche' ha cercato fino all'ultimo di tenere in mano un partito chiuso al dibattito''.

(Pnz/zn/Adnkronos)