RIFIUTI: SVIZZERA SEDOTTA DAL FASCINO DELLA TECNOLOGIA
RIFIUTI: SVIZZERA SEDOTTA DAL FASCINO DELLA TECNOLOGIA

ROMA, 28 NOV. - (ADNKRONOS) - Nel panorama delle tecnologie di smaltimento dei rifiuti e di recupero energetico potrebbe presto fare la sua comparsa un nuovo processo, capace di ridurre le emissioni in atmosfera quasi a zero e recuperando non calore bensi' gas di sintesi di elevata purezza. Si tratta della tecnologia che Thermoselect (una societa' svizzera sbarcata sul lago Maggiore lo scorso anno) sta sperimentando nell'impianto pilota di Verbania.

I test sul processo, ideato dai tecnici di Thermoselect e del quale ''Territorio e Ambiente'' ha recentemente gia' riferito, starebbe infatti dando i primi risultati positivi, tali da dimostrarne l'affidabilita'.

Nei prossimi mesi, proprio sulla base di questi primi elementi conoscitivi, le autorita' cantonali svizzere del Ticino potrebbero dunque scegliere la tecnologia Thermoselect per la realizzazione di due nuovi impianti, per i quali, in una prima fase si era propeso per la tradizionale tecnologia ''a griglia''. A sollecitare l'attenzione delle autorita' svizzere sono soprattutto i vantaggi ambientali che la tecnologia Thermoselect consente di garantire: assenza di inquinanti organici, limitatissime emissioni di inquinanti atmosferici tradizionali (nell'ordine di alcune migliaia di volte inferiori ai limiti Cee), assenza di residui solidi da smaltire in discarica.

(ATA/AS/ADNKRONOS)