PRIVATIZZAZIONI: NECCI E ARTALI
PRIVATIZZAZIONI: NECCI E ARTALI

ROMA, 28 NOV. (ADNKRONOS) - UNA POLITICA INDUSTRIALE PER IL PAESE E' LA PREMESSA INDISPENSABILE DEL PROGETTO DI PRIVATIZZAZIONE. SIGNIFICA: NON VENDERE AGLI STRANIERI. LO HA DETTO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELLE FERROVIE DELLO STATO LORENZO NECCI, NEL CORSO DI UNA TAVOLA ROTONDA SULLE PRIVATIZZAZIONI CHE IL QUOTIDIANO ''IL MANIFESTO'' PUBBLICHERA' DOMANI.

ALLA TAVOLA ROTONDA, COORDINATA DA VALENTINO PARLATO, HANNO PARTECIPATO OLTRE A NECCI, L'AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SME MARIO ARTALI, IL PROPRIETARIO DELLA SIGMA TAU CLAUDIO CAVAZZA, E IL PRESIDENTE DELL'ITALGAS CARLO DA MOLO.

L'AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SME ARTALI SI E' DETTO CONTRARIO A UN APPROCCIO DI VENDITA ''DA NOTAIO'' FATTA CON IL MECCANISMO DELL'ASTA E CON IL PREZZO OFFERTO COME UNICO PARAMETRO DI RIFERIMENTO. ''SAREBBE UN PERICOLO GRAVISSIMO -HA DETTO- BISOGNEREBBE INVECE CHE GLI ACQUIRENTI PRESENTASSERO UN PROGETTO CON CONTENUTI INDUSTRIALI E IMPRENDITORIALI''.

(COM/PE/ADNKRONOS)