BELGRADO: MILOSEVIC PROBABILE VINCITORE
BELGRADO: MILOSEVIC PROBABILE VINCITORE

Belgrado, 21 dic. (adnkronos)- Sembra nettamente in testa Slobodan Milosevic: in base agli ultimi risultati pervenuti - relativi allo scrutinio del 13,6 per cento dei voti - il presidente uscente Slobodan Milosevic ha ottenuto nelle elezioni presidenziali della Serbia il 56,31 per cento dei voti, contro il 33,66 per cento di Milan Panic, e il 3,3 per cento del terzo candidato Milan Paroski pur fra diffuse accuse di brogli.

E' confermato inoltre il grande progresso dei radicali di Vosislav Seselj, che, in gran parte della Serbia, sono in gara con il partito socialista di Milosevic. I risultati raggiunti dal partito radicale possono rovesciare tutte le previsioni: Seselj e' stato finora un semplice alleato di Milosevic. Se questa parita' dovesse essere confermata dai risultati finali, in Serbia si avra' una radicale svolta nazionalistica, assai vicina - commentano gli analisti di Belgrado - ad una forma di ''fascismo balcanico''.

Un barlume di speranza, forse, esiste ancora. Lo staff di Panic denuncera' alla commissione elettorale della Serbia una serie di procedure non previste dalla legge elettorale. Sembra, infatti, che la commissione elettorale della repubblica avesse disposto che le commissioni elettorali dei singoli seggi dovessero consegnare le urne direttamente alle commissioni comunali dove i rappresentanti dei partiti non erano ammessi, mentre le urne dovevano essere scrutinate in presenza dei controllori di ogni singolo partito. Inoltre Panic chiede la ripetizione delle elezioni accusando la televisione e i media di avergli negato lo spazio cui aveva costituzionalmente diritto. Le stesse accuse sono state ripetute davanti alle telecamere di Cnn da un portavoce di Panic che ha parlato di vero e proprio boicottaggio.

(nsp/BB/ADNKRONOS)