SERBIA: TESTA A TESTA TRA MILOSEVIC E PANIC
SERBIA: TESTA A TESTA TRA MILOSEVIC E PANIC

Capodistria, 21 dic. (adnkronos)- Slobodan Milosevic e Milan Panic sono testa a testa nelle elezioni presidenziali in Serbia. Sembra scontato il ricorso al ballottaggio che si terra' tra due settimane. Il premier federale viene dato in leggero vantaggio in alcuni centri maggiori. Il presidente serbo uscente sembra avanti invece nelle zone rurali.

Secondo i dati comunicati dalla coalizione di opposizione ''Depos'' a Belgrado, Panic conduce con il 55 per cento dei voti rispetto al 45 per cento di Milosevic. I dati pero' si riferiscono soltanto al 2 per cento dell'intero corpo elettorale.

Sono invece gia' stati denunciati moltissimi brogli e irregolarita' nelle operazioni di voto, nella preparazione delle liste e nell'allestimento dei seggi. Oltre che per le presidenziali si e' votato anche per le parlamentari. I socialisti sono in netto vantaggio sull'opposizione. Da ricordare che si e' votato anche in Montenegro, da dove pero' mancano i primi risultati.

Riaprira' forse oggi l'aeroporto di Sarajevo chiuso dal primo dicembre a causa dei combattimenti e dopo che un aereo da trasporto era stato colpito da raffiche di mitra. Prosegue intanto la missione di Lord Owen, copresidente della conferenza di Ginevra. Owen ha dichiarato di voler rimanere nella capitale bosniaca fino a quando verra' raggiunto qualche risultato. Inutili finora i tentativi di ammorbidire le posizioni del serbo Karadzic. Il generale Morillon, comandante dell'Unprofor in Bosnia, ha intanto ventilato l'ipotesi, per la prima volta, di un intervento militare nel paese in guerra, qualora le prossime trattative di Ginevra fissate per il 2 gennaio e con la partecipazione di tutte le parti coinvolte, non dovessero dare risultati.

(Dac/gs/adnkronos)