USA: PROVA GENERALE PER I SIGNORI DI CAPITOL HILL
USA: PROVA GENERALE PER I SIGNORI DI CAPITOL HILL

Washington, 5 gen -(adnkronos/gua)- Sono cominciate le prove generali al congresso in vista dell'insediamento della amministrazione democratica il 20 gennaio prossimo dopo dodici anni di gestione repubblicana. I nuovi e vecchi signori di Capitol Hill, amici e nemici di Bill Clinton, stanno gia' affilando le armi per le grandi battaglie di primavera, quando, finita la tradizionale luna di miele che dura cento giorni col nuovo presidente, il congresso dovra' affrontare spinose questioni come la riduzione del deficit del bilancio, l'aumento delle tasse, gli investimenti pubblici, le riforme sanitarie e sociali, la creazione di nuovi posti di lavoro e via dicendo.

Ma vediamo come e' cambiata la mappa di Capitol Hill dopo il voto di novembre. La camera dei rappresentanti e' costituita da 258 democratici, dieci in meno della scorsa legislatura, 176 repubblicani, e un indipendente, Bernie Sanders, socialista del Vermont. La composizione del senato e' rimasta inalterata: i democratici sono 57 e i repubblicani 43. Tra le novita': al senato, il primo pellerossa, Bell Nighthorse Campbell, del Colorado, un record di sei donne, tra cui una di colore; alla camera 48 deputate, 17 rappresentanti neri e 38 ispanici.

Il democratico George Mitchell continuera' a ricoprire l'incarico di presidente della camera. Mentre Patrick Moynihan rimpiazzera' Lloyd Bentsen, nominato segretario del tesoro, alla guida della commissione finanze del senato e Ron Dellums prendera' il posto di Les Aspin, nuovo capo del pentagono, alla commissione forze armate della camera.

(iac/zn/adnkronos)