LEGGE ELETTORALE: PSI CRITICO (2)
LEGGE ELETTORALE: PSI CRITICO (2)

(ADNKRONOS) - MA NELLA RIUNIONE DI OGGI (''PREVENTIVATA DA TEMPO'') IL PSI HA ESAMINATO, OLTRE AGLI ASPETTI STRUTTURALI DELLA RIFORMA ELETTORALE, SOPRATTUTTO I SUOI RISVOLTI POLITICI. ''ABBIAMO L'IMPRESSIONE - HA DETTO IN PROPOSITO LABRIOLA - CHE NON SIANO STATE ATTENTAMENTE CONSIDERATE LE CONSEGUENZE SUL QUADRO POLITICO DI QUANTO STA MATURANDO, ALMENO A SENTIRE LE DICHIARAZIONI DI SALVI O DELLO STESSO DE MITA''. MA A GIUDIZIO DI LABRIOLA, ANCHE QUANTO HA DETTO IL CAPO DELLA SEGRETERIA POLITICA DELLA DC CASTAGNETTI (''PUO' ACCADERE CHE NELLA COMMISSIONE PER LE RIFORME ISTITUZIONALI SI FORMI UNA SOLIDARIETA' POLITICA, E IL GOVERNO NON POTREBBE NON TENERNE CONTO'') DEVE ESSERE UN ''ULTERIORE ELEMENTO DI RIFLESSIONE''.

GLI ESPONENTI SOCIALISTI IN COMMISSIONE BICAMERALE TORNERANNO AD INCONTRARSI NEI PROSSIMI GIORNI, PRIMA CHE LA COMMISSIONE STESSA RIPRENDA I SUOI LAVORI. ''LA NOSTRA POSIZIONE - HA PRECISATO LABRIOLA - RIMANE IMMUTATA NELLA SALVAGUARDIA DEI DUE ELEMENTI: QUELLO PROPORZIONALE E QUELLO MAGGIORITARIO''.

(FER/BB/ADNKRONOS)