FONDI PENSIONE: LA PROSSIMA SETTIMANA (3)
FONDI PENSIONE: LA PROSSIMA SETTIMANA (3)

(ADNKRONOS) - nessun problema invece sugli aLtri punti del decreto elabOrato da cristofori: i fondi Potranno essere gestiti da tutti gli enti che gia' fanno previdenza obbligatoria, dalle compagnie assicurative e dalle societa' di intermediazione mobiliare. Viene istituita una commissione di vigilanza presso il ministero del lavoro che si avvarra' dell'apporto dell'Isvap, della Consob e della banca d'Italia per verificare la sicurezza dei fondi e la loro corretta gestione. I criteri guida del decreto delegato sono il pluralismo, la piena liberta' di investimento e la sicurezza. Sara' possibile mantenere in vita i fondi gia' esistenti prevedendo un periodo di tempo transitorio di 5 anni per il loro adeguamento alle nuove norme. I destinatari dei fondi possono essere i lavoratori dipendenti, quelli autonomi, i liberi professionisti, le casalinghe e gli studenti universitari. La costituzione del fondo e' demandata ad accordi e contratti collettivi. Le imprese che attivano un fondo devono tenerlo separato dalla contabilita' aziendale.

Il finanziamento dei fondi puo' essere determinato in percentuale della retribuzione. lavoratori dipendenti e datore di lavoro determinano contrattualmente le rispettive quote di partecipazione al fondo. nel caso di dipendenti pubblici il contributo a carIco del datore di lavoro deve essere definito in sede di determinazione del trattamento economico. il decreto prevede poi la riduzione dall'attuale 10 per cento al 6 per cento del contributo al fondo di garanzia e solidarieta' gestito dall'Inps. e' INVECE esclusa la possibilita' di riscattare periodi precedenti all'entrata in vigore del provvedimento per l'elevato costo che avrebbe per lo stato in qualita' di datore di lavoro dei pubblici dipendenti.

(Ric/ZN/ADNKRONOS)