ELEZIONE SINDACO: CAOS (6)
ELEZIONE SINDACO: CAOS (6)

(adnkronos) - Il presidente ha detto di nutrire ''il massimo rispetto per tutte le posizioni'' e ha aggiunto, per ruolo istituzionale di essere ''tenuto a garantire i diritti di tutti, nella dialettica che qui liberamente si svolge. Questo parlamento e' legittimato a deliberare sulla base della regola irrinunciabile della maggioranza. Credo di dover invitare alla massima misura, pur nell'asprezza dei conflitti, tutti i gruppi e i deputati. Alla massima misura e alla scrupolosa osservanza del regolamento che garantisce la liberta' di tutti, la sovranita' e il ruolo del Parlamento''.

In seguito all'accaduto il capogruppo missino, Tatarella, ha spiegato i motivi della protesta che ''si e' avuta in seguito alla bocciatura di un emendamento sostitutivo dell'articolo 5 che prevedeva tassativamente schede separate per l'elezione del sindaco e del consiglio comunale. la reazione - ha aggiunto - e' stata un omaggio alla democrazia diretta, alla chiarezza e al quesito referendario che vuole l'elezione del sindaco diretta e separata da quella partitocratica della lista''.

(RUF/ZN/ADNKRONOS)