RAI: LA PROPOSTA DI RIFORMA DEL PSDI
RAI: LA PROPOSTA DI RIFORMA DEL PSDI

roma, 14 gen. (adnkronos) - soppressione della commissione parlamentare di vigilanza e istituzione di un'autorita' di indirizzo e controllo. eliminazione del ''pletorico'' consiglio di amministrazione, che, trasformato in un ''agile organismo'', dovra' occuparsi esclusivamente delle questioni gestionali ed economiche, affiancato da un direttore amministrativo. e ancora: abolizione della figura del direttore generale e istituzione di un direttore editoriale e di un direttore dei programmi non giornalistici, rispettivamente per radio e tv. sono, questi, i punti - cardine della proposta di legge presentata dal psdi in materia di riforma della rai.

illustrata oggi dal leader socialdemocratico, carlo vizzini, la proposta arriva ''in un momento difficile della vita del servizio pubblico'' e soprattutto nel momento in cui assistiamo -ha detto vizzini- a declamazioni ''sulla necessita' di rompere la lottizzazione storica della rai'', mentre, invece, ''abbiamo visto alcuni tentativi di superlottizzazione''. l'iniziativa del psdi, ha aggiunto il segretario, si propone di ''rompere vecchi schemi di patteggiamenti e equilibrismi'' e di rappresentare ''un gesto per cui i partiti si ritirino concretamente dal servizio di informazione pubblica'', ''primo segnale dei partiti che vogliono ritornare alla loro condizione prevista dalla costituzione''.

il testo, in sei articoli, si ispira, ha detto vizzini, a ''due esigenze fondamentali'': ''l'eliminazione dell'influenza dei partiti e la garanzia di un reale pluralismonell'attivita''' del servizio pubblico. (segue)

(rgg/PE/ADNKRONOS)