CARCERI: NICOLO' AMATO - CHIUDERE S.MARIA MAGGIORE
CARCERI: NICOLO' AMATO - CHIUDERE S.MARIA MAGGIORE

ROMA, 28 GEN. (Adnkronos) - Sul carcere veneziano di SAnta Maria Maggiore il direttore generale degli istituti di prevenzione e pena, NICOLO' AMATO, ha DICHIARATO: ''va chiuso subito, cosa che io avevo gia' deciso NEGLI ANNI SCORSI. poi dovetti recedere da questa decisione perche' subissato da inumerevoli critiche. Ora se ne sono accorti tutti e siamo anche arrivati alle denunce penali -ha spiegato Nicolo' Amato- ma gia' dall'87 avevo richiesto al Comune la disposnibilita' di un'area per la costruzione del nuovo istituto di pena per il quale erano gia' stati previsti 50 miliardi. Non ricevetti mai risposta.

''Ora l'unica possibilita' -ha spiegato Nicolo' Amato- e' di vendere l'area di santa Maria Maggiore al Comune e con una permuta, utilizzare questi soldi per la costruzione di un nuovo carcere nell'area decisa dal comune a montiron, nei pressi di tessera'', il cui costo dovrebbe aggirarsi tra i 60 e i 100 miliardi. Nel frattempo, visto che le condizioni igieniche e sanitarie di Santa Maria Maggiore sono inaccettabili, Nicolo' Amato vuole utilizzare in maniera piu' completa la casa di lavoro della Giudecca, risistemare una parte di Santa Maria Maggiore soltanto per i detenuti in attesa di giudizio. Amato, comunque, ha voluto rassiCUrare il personale della casa di pena e i detenuti che non verranno effettuati trasferimenti se non voluti.

(dac/PE/ADNKRONOS)