CARCERI: NICOLO' AMATO - NUOVA LEGGE PER L'EDILIZIA
CARCERI: NICOLO' AMATO - NUOVA LEGGE PER L'EDILIZIA

Roma, 28 gen. (adnkronos) - Una nuova legge per snellire le procedure per l'edilizia carceraria. La richiesta viene dallo stesso direttore generale degli istituti di prevenzione e pena Nicolo' Amato, intervenuto oggi a Venezia ad una riunione per risolvere la questione del carcere di santa maria maggiore definito uno dei peggiori d'Italia.

''La costruzione di un carcere e' competenza esclusiva del ministero dei lavori pubblici, oggi. C'e' una legge vecchia e farraginosa da superare peche' la costruzione di un carcere oggi non avviene in meno di 9-10 anni e cio' e' inammissibile -ha sottolineato amato- perche' tra l'altro si spende molto di piu'. La svalutazione del denaro poi moltiplica i costi. Infine quando ci viene consegnato un carcere 10 anni dopo la nostra richiesta, questo e' gia' vecchio, non risponde piu' ai requisiti del sistema penitenziario attuale. Quindi una priorita' e' definire una normativa piu' moderna che consenta di costruire un carcere in poco tempo''.

''Il nodo e' questo -ha spiegato Amato- si costruisce con il sistema del lotto per lotto: si finanzia un lotto, poi finiscono i soldi e i lavori rimangono fermi per sei mesi o anche per un anno. Questo fa durare i lavori anche 10 anni. Bisognerebbe quindi arrivare ad un sistema di 'chiavi in mano'. Fatto il contratto con la ditta, le si danno subito i finanziamenti, ma si richiede la realizzazione completa in massimo un anno e mezzo, diversamente la ditta dovra', pagare penali terribili''.

(dac/gs/adnkronos)