DEPORTATI: LA CORTE (3) - L'OMBRA DEL VETO USA
DEPORTATI: LA CORTE (3) - L'OMBRA DEL VETO USA

(adnkronos/xinhua)- Un verdetto che peraltro da' forza al rapporto presentato all'inizio della settimana dal segretario generale dell'Onu, Butros Butros-Ghali, al Consiglio di Sicurezza per l'adozione di ''tutti i passi necessari'' per costringere il governo Rabin a rispettare la risoluzione 799. Se Clinton decidesse veramente di opporre il veto a iniziative punitive verso lo stato ebraico, gli Stati Uniti presterebbero definitivamente il fianco alle accuse soprattutto arabe di usare l'Onu come uno strumento di legittimazione di una politica di costruzione del Nuovo Ordine Mondiale basata sul criterio dei ''due pesi e due misure''.

Gia' questa mattina, Abdulallah al Chami, il portavoce della ''Jihad islamica'', una delle due organizzazioni protagoniste della campagna di terrore dei territori contro Israele, ha dichiarato che ''e' ovvio che gli Stati Uniti impongono le loro decisioni sul mondo e soprattutto sul Consiglio di Sicurezza dell'Onu''. ''A Washington pero' diciamo che saremo noi i vincitori alla fine, perche' la comunita' internazionale si rendera' conto della politica di Israele e del suo governo''.

(lar/PE/ADNKRONOS)