PATENTI MOTO: REPLICA DI TESINI, POLEMICI I CENTAURI
PATENTI MOTO: REPLICA DI TESINI, POLEMICI I CENTAURI

ROMA, 3 FEB. (ADNKRONOS)- IL MINISTRO DEL TRASPORTO, GIANCARLO TESINI, HA REPLICTO OGGI ALLE POLEMICHE SULLA NORMA DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA CHE ABROGA LA POSSIBILITA' DI GUIDARE MOTOCICLI CON PATENTE B. SECONDO IL MINISTRO, ''UN ESAME INTEGRATIVO, CONSISTENTE IN UNA SOLA PROVA PRATICA E IN ALCUNE DOMANDE SULL'USO DEL CASCO, E' QUANTO, IN BASE AL NUOVO CODICE, VIENE RICHIESTO DAL PRIMO LUGLIO 93 AI POSSESSORI DI PATENTE PER AUTOVEICOLI PER CONTINUARE A GUIDARE ANCHE I MOTOCICLI''. IL MINISTRO HA ANCHE PRECISATO CHE IL PROBLEMA RIGUARDA ''POCHE DECINE DI MIGLIAIA DI PERSONE'', QUELLE CIOE' CHE RISULTANO NON POSSEDERE LA PATENTE A. LE PATENTI DI CATEGORIA A, INFORMA IL MINISTRO, SONO 3 MILIONI E 500 MILA.

IN REALTA', SECONDO QUANDO APPRENDE L'ADNKRONOS, QUESTO NUMERO RIGUARDEREBBE LE PATENTI A EMESSE DAL 1962 AD OGGI, QUINDI CON OGNI PROBABILITA' NON PIU' OPERATIVE. LA DIREZIONE GENERALE DELLA MOTORIZZAZIONE CIVILE, PERO', AFFERMA CHE ANCHE CHI HA AVUTO IN PASSATO, E NON HA PIU', LA PATENTE A POTRA' RIVOLGERSI AGLI UFFICI LOCALI DELLA MOTORIZZAZIONE PER UN'ANNOTAZIONE PROVVISORIA SULLA PATENTE POSSEDUTA ATTUALMENTE.

NEL FRATTEMPO, E' SCOPPIATA LA RABBIA DEI MOTOCICLISTI ITALIANI. IL PRESIDENTE DEL ''COORDINAMENTO MOTOCICLISTI'' - ASSOCIAZIONE SPONTANEA NATA NEL 1990 CHE CONTA DIVERSE DECINE DI MIGLIAIA DI UTENTI DELLE DUE RUOTE - VALTER MASSIMI, HA INVITATO IL MINISTRO TESINI AD UN CONFRONTO-SCONTRO PUBBLICO SULL'ARGOMENTO , DA LUI RITENUTO ''UNA VERA VESSAZIONE. SE TESINI HA RITENUTO DI DAR CORSO A QUESTA BELLA TROVATA - CONTINUA MASSIMI - VUOL DIRE CHE E' CIECO COME DUE TALPE E NON VEDE CHE I MOTOCICLISTI SONO GIUNTI AL PUNTO DI ROTTURA. IO CHIEDO ESPLICITAMENTE AL MINISTRO DI SPIEGARE PUBBLICAMENTE LE MOTIVAZIONI CHE LO HANNO PORTATO AD UNA SIMILE CORBELLERIA''.

(PAB/BB/ADNKRONOS)