POSTE: IL DENARO AGLI UFFICI LO PORTERANNO LE BANCHE
POSTE: IL DENARO AGLI UFFICI LO PORTERANNO LE BANCHE

Roma, 12 feb. (adnkronos) - non ci sara' piu' il via vai di furgoni blindati, con sirene spiegate e scorta armata, che ogni giorno vanno in giro per la citta' a rifornire di contante gli uffici postali. il ministero delle poste ha annunciato che entro pasqua il servizio verra' infatti affidato alle banche, che provvederanno con mezzi propri ad approvvigionare gli uffici del denaro necessario per le operazioni postali.

il ministro delle poste, maurizio pagani, annunciando la riforma ha sottolineato in una nota che l'affidamento del servizio alle banche ''consentira', oltre a un consistente risparmio per le poste, anche un piu' puntuale rifornimento di cassa agli uffici periferici e l'eliminazione delle frequenti rapine che oggi si verificano ai furgoni postali non coperti dalle assicurazioni''. a beneficiare della riforma saranno anche i pensionati, che da ora in poi riceveranno le loro spettanze mensili non piu' tramite assegno ma in denaro contante.

il provvedimento era particolarmente atteso a roma, dove la decisione di pagani consentira' di riaprire al traffico via del moretto in cui ha sede la cassa provinciale delle poste. si tratta di una piccola via nei pressi di piazza s.silvestro, da anni chiusa al traffico e presidiata dalle forze dell'ordine per consentire le operazioni di carico e scarico dei valori. il disagio dei cittadini per la chiusura della via era perfino arrivato in parlamento. il liberale paolo battistuzzi aveva infatti di recente rivolto una interrogazione al ministro pagani per sollecitare la riapertura di via del moretto.

(red/gs/adnkronos)