PIOMBINO: DOPO LA BOCCIATURA SI VOTA DI NUOVO L'ACCORDO
PIOMBINO: DOPO LA BOCCIATURA SI VOTA DI NUOVO L'ACCORDO

Roma, 15 feb. -(adnkronos)- nuovo referendum per l'accordo di ristrutturazione delle acciaierie ex ilva di piombino gia' bocciato dai lavoratori nei giorni scorsi. fino a domani si votera' nuovamente sull'intesa, dopo che i sindacati avevano ottenuto dal ministro del lavoro nino cristofori, ulteriori garanzie in termini di occupazione.

il personale dichiarato in esubero e' di 731 dipendenti. in base all'accordo, 250 lavoratori saranno messi in cassa integrazione a rotazione per 4 anni, altri 250 dovrebbero essere reimpiegati nelle attivita' di reindustrializzazione, 189 persone andranno in pensione per raggiunti limiti di eta' e 55 dipendenti saranno riassorbiti dalla stessa azienda con una riduzione dell'orario di lavoro.

le assicurazioni di cristofori riguardano la necessita' di trovare ''una canalizzazione positiva a tutti gli esuberi del processo di ristrutturazione, evitando qualsiasi interruzione traumatica del rapporto di lavoro''. incerto l'esito del voto. ''l'accordo non ha portato quello che chiedevamo noi -dice giancarlo masoli, segretario della fiom di piombino- e anche se ci rendiamo conto che da questo accordo e' stato tratto tutto quanto e' possibile, resta difficile prevedere cosa risponderanno i lavoratori dopo la scorsa bocciatura''.

(cre/pan/adnkronos)