NAZISTI: BORMANN MORTO IN PARAGUAY NEL 1959
NAZISTI: BORMANN MORTO IN PARAGUAY NEL 1959

Asuncion, 25 feb - (adnkronos/dpa) - Martin Bormann, il famigerato luogotenente di Hitler, visse verso la fine degli anni cinquanta in Paraguay, fu perfino visitato dal dottor Josef Mengele in quel paese quando ebbe problemi di salute, mori' il 15 febbraio del 1959 e fu sepolto nella localita' di Ita, 30 chilometri della capitale. E i servizi tedeschi lo sapevano benissimo. La notizia che fornisce un ulteriore tassello nella ormai massiccia documentazione su Bormann, forse il nazista piu' ricercato e segnalato in giro per il mondo nel dopoguerra, insieme allo stesso Mengele, proviene da documenti della polizia politica paraguagia venuti alla luce alla fine dell'anno scorso. I documenti fanno parte del dossier ormai noto come gli ''archivi del terrore'' della polizia politica, recentemente scoperto e ora divulgato dalla stampa del paese.

Un'informativa dell'agosto del 1961 del capo della divisione affari esteri al ministero degli Interni, Pedro Prokopchup, rivela anche i collegamenti con Mengele, il notorio medico dei campi di concentramento che conduceva orribili esperimenti sugli internati, ossessionato dalle ricerche genetiche all'inseguimento della purezza assoluta della razza. A quanto si evince dai documenti del ministero degli Interni, le informazioni furono forNite alla polizia politica dai servizi segreti tedeschi in America Latina. (segue)

(cab/ZN/ADNKRONOS)