ARENA VERONA: GLI INDUSTRIALI DELLA MUSICA CONTRO RONCHEY
ARENA VERONA: GLI INDUSTRIALI DELLA MUSICA CONTRO RONCHEY

MILANO, 10 MAR. (ADNKRONOS)- CONTINUA LA POLEMICA SUL DIVIETO IMPOSTO DAL MINISTRO DEI BENI CULTURALI, ALBERTO RONCHEY, DI UTILIZZARE L'ARENA DI VERONA PER I CANTANTI DI MUSICA ROCK. IN UNA LETTERA APERTA INDIRIZZATA ALLO STESSO RONCHEY E AL MINISTRO DELLO SPETTACOLO, MARGHERITA BONIVER, LA FEDERAZIONE INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA SI DICHIARA CONTRARIA AL PROVVEDIMENTO.

''SE POSSIAMO CAPIRE LE RAGIONI DI CAUTELA A DIFESA DELL'INTERESSE GENERALE DI TUTELA DEL PATRIMONIO ARTISTICO -SI LEGGE NELLA LETTERA- CHE SONO ALLA BASE DELLA SUA DECISIONI, NON POSSIAMO CONDIVIDERLE NELLO SPECIFICO. ABBIAMO IL SOSPETTO CHE DI TROVARCI DI FRONTE AD UNA DISCRIMINAZIONE TRA COSIDETTA MUSICA COLTA E NON. NOI PAVENTIAMO IL RIEMERGERE DEI VECCHI STECCATI TRA GENERI MUSICALI''.

''LA MUSICA NON HA CONFINI, NE' DI PAESI, NE' DI CULTURE, NE' DI STRATI SOCIALI. E' UN FENOMENO CAPACE DI AGGREGARE CHIUNQUE, ATTRAVERSO LE SUE VARIE E PIU' DIVERSE ESPRESSIONI, INDIPENTEMENTE DALLA RAZZA -PROSEGUE LA LETTERA- DALLA NAZIONE, DAL LIVELLO CULTURALE E DAL CENSO. PER QUESTE RAGIONI, SIGNOR MINISTRO NON SIAMO D'ACCORDO CON LEI''.

''LA SUA DECISIONE CHE APPARE COSI' ELITARIA, ANCHE SE CERTAMENTE NON E' TALE NELLE INTENZIONI, AVREBBE POTUTO SEGUIRE LA STRADA DELLA VERA CAUTELA E NON DEGLI 'USI NON CONFACENTI CON LA DIGNITA'' DEGLI STESSI. FORSE L'IMPIEGO DEI MONUMENTI, PUR CON TUTTE LE CAUTELE DEL CASO, IN OCCASIONE DI MANIFESTAZIONI -CONCLUDE LA LETTERA- DI MUSICA POPOLARE, FA SI' CHE QUESTI RIVIVANO NON SOLO GRAZIE ALLA CULTURA DI QUESTA MUSICA, MA ANCHE ALLA PARTECIPAZIONE E ALL'ALLEGRIA COLLETTIVA DEI GIOVANI. E, CI SCUSI, DI QUESTI TEMPI NON E' POCO''.

(RED/LR/ADNKRONOS)