GIAPPONE: SCANDALO KANEMARU DURO COLPO
GIAPPONE: SCANDALO KANEMARU DURO COLPO

Tokio, 10 mar - (adnkronos) - La scena politica giapponese sembra ormai colpita da una valanga, e man mano che avanza aumenta di volume. L'arresto dell'ex vice presidente del partito liberaldemocratico, il 78enne Shin Kanemaru, per evasione fiscale, la fortuna da lui accumulata (valutata inizialmente in due miliardi di yen, oltre i 25 miliardi di lire), appare ora di gran lunga superiore se si aggiungono centinaia di lingotti d'oro, un valore equivalente a circa 13 miliardi di lire trovati nella cassaforte del suo ufficio di Tokio) hanno duramente colpito sia l'ambiente politico giapponese che l'opinione pubblica, lasciando tutti alquanto storditi.

Il primo ministro giapponese Kiichi Miyazawa, che deve il suo posto all'iniziale aiuto di Kanemaru, considerato il gran burattinaio della politica nipponica, prende ora le distanze affermando che si tratta di ''problemi personali che non hanno diretta influenza sulla situazione attuale'', visto che Kanemaru si e' ritirato dalla scena politica nel 1992 per lo scandalo Kyubin (500 milioni di yen di donazioni illegali). Ma al contrario gli osservatori politici ritengono che l'accaduto possa dare ora l'opportunita' ai partiti all'opposizione per ostacolare il governo e gli sforzi di Miyazawa nella preparazione dello stesso ''pacchetto'' per stimolare l'economia giapponese. Anche il mondo finanziario e' parzialmente coinvolto: Kanemaru ha infatti investito parte della sua fortuna in obbligazioni e titoli di due delle maggiori banche giapponesi la ''Industrial Bank of Japan'' e la ''Nippon Credit bank''.

(red/as/adnkronos)