I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (3): L'INTERNO

Roma. LA CRISI DI GOVERNO E' STATA PER IL MOMENTO EVITATA E OGGI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GIULIANO AMATO AFFRONTERA' IN SENATO LA QUESTIONE DEL DECRETO SU TANGENTOPOLI, BLOCCATO DAL CAPO DI STATO. SCALFARO HA INVITATO AMATO A RIMANERE IN CARICA. IL PREMIER HA INTESO SCUOTERE LA MAGGIORANZA, INVITANDOLA A SOSTENERE CON I FATTI L'AZIONE DELL'ESECUTIVO: ''IL GOVERNO NON E' UNA SPUTACCHIERA'', HA AMMONITO AMATO, CHE IERI E' SALITO AL QUIRINALE PER UN LUNGO COLLOQUIO CON IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

ROMA. IL SOCIALISTA VALDO SPINI, LEADER DELL'OPPOSIZIONE INTERNA AL PSI, E' IL NUOVO MINISTRO PER L'AMBIENTE. LA NOMINA E' AVVENUTA NELLA TARDA SERATA DI IERI. SPINI PRENDE IL POSTO DI CARLO RIPA DI MEANA, DIMESSOSI A CAUSA DEL RIFIUTO A SOTTOSCRIVERE IL DECRETO SU TANGENTOPOLI MESSO A PUNTO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO AMATO E DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA CONSO, POI BLOCCATO DALL'INTERVENTO DI SCALFARO.

Roma. La giunta della camera ha concesso IERI l'autorizzazione a procedere nei confronti di bettino craxi per tutti e tre i capi di imputazione formulati dai giudici di milano dell'inchiesta 'mani pulite': violazione della legge sul finanziAmento dei partiti, corruzione e ricettazione. Parere favorevole La giunta ha espresso, a maggioranza, anche per la richiesta di perquisizioni personali e domiciliari. la giunta e' andata cosi' oltre il parere del relatore, IL DEPUTATO DEMOCRISTIANO PINZA, che si era detto contrario all'autorizzazione a procedere per il reato di ricettazione e alla richiesta di perquisizioni. CINQUE VOTAZIONI SONO STATE NECESSARIE PER FORMARE IL PARERE DELLA GIUNTA. UNANIMITA' SULLA VIOLAZIONE DELLA LEGGE SUL FINANZIAMENTO DEI PARTITI. LARGA MAGGIORANZA PER IL REATO DI CORRUZIONE; EQUILIBRIO, INVECE, SULLA CONCESSIONE DELL'AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE PER RICETTAZIONE E SULLA RICHIESTA DI PERQUISIZIONI PERSONALI E DOMICILIARI NEI CONFRONTI DI CRAXI. IN BASE AL REGOLAMENTO DELLA CAMERA, SI E' TRASMESSO ALL'AULA IL PARERE CONTRARIO RISPETTO A QUELLO ESPRESSO IN GIUNTA DAL RELATORE.

Roma. La commissione bicamerale per le riforme istituzionali SCEGLIERA' OGGI IL SUO NUOVO PRESIDENTE, DOPO LE DIMISSIONI DELL'EX SEGRETARIO DEMOCRISTIANO CIRIACO DE MITA, CONSEGUENTI ALL'ARRESTO DEL FRATELLO MICHELE, COINVOLTO NELL'INCHIESTA SULLA RICOSTRUZIONE DELL'IRPINIA TERREMOTATA. SULLA CANDIDATURA DELLA PIDIESSINA NILDE IOTTI, GIA' PRESIDENTE DELLA CAMERA, SEMBRA ESSERSI FORMATA UNA LARGA MAGGIORANZA. ILRINVIO DELLA VOTAZIONE E' STATO CHIESTO PROPRIO DAL PDS, PER SONDARE LA POSSIBILITA' DI RAGGIUNGERE SUL NOME DELLA IOTTI IL MASSIMO DEL CONSENSO, DOPO L'ADESIONE ANNUNCIATA DEL PSI E QUELLA PROBABILE DELLA DC.

MILANO. DOPO L'AUTOSCIOGLIMENTO, PALAZZO MARINO SI AVVIA VELOCEMENTE VERSO IL COMMISSARIAMENTO, IL PRIMO NELLA STORIA DELLA CITTA'. ALL'APPELLO DEI CONSIGLIERI COMUNALI DIMISSIONARI SI SONO AGGIUNTI IERI QUELLO DEL SINDACO USCENTE BORGHINI E DEL SOCIALISTA BOBO CRAXI, FIGLIO DELL'EX SEGRETARIO DEL PSI. BORGHINI HA SOTTOLINEATO CHE ''SOLO IL MINISTRO DEGLI INTERNI PUO' IMPEDIRE A MILANO DI ANDARE ALLE URNE A GIUGNO MA, SE QUESTO DOVESSE ACCADERE LO CONSIDEREREI UNA GRAVE SCORRETTEZZA, UN MINI GOLPE''.

MILANO. GRAVI PERDITE IERI PER LA BORSA. LA SEDUTA DI PIAZZA AFFARI SI E' CONCLUSA CON IL MIB A QUOTA 1.128, IN CALO DEL 3,2 PER CENTO. TUTTO IL LISTINO HA RISENTITO DELL'ANDAMENTO GENERALE. La speculazione internazionale ha duramente attaccato la lira che ha ceduto sulle principali valute. Il dollaro in particolare ha sfondato quota 1.600 ed e' stato scambiato per 1601,37 lire contro le PRECEDENTI 1577. la valuta italiana ha ceduto anche nei confronti del marco tedesco che dalle 947 lire e' salito fino a 965,38. Non hanno fatto eccezione le altre DIVISE europee: il franco francese e' salito da 279 a 284,71 lire, la sterlina inglese da 2.276 a 2.313 lire, l'ecu da 1.843 a 1.875. (SEGUE)

(RED/GS/ADNKRONOS)