RAITRE: ''CAPITAN COSMO'' (5) - L'ALTA DEFINIZIONE
RAITRE: ''CAPITAN COSMO'' (5) - L'ALTA DEFINIZIONE

(ADNKRONOS) - La Rai intende continuare il suo impegno produttivo nell'alta Definiziozne. anche se vi sono stati notevoli problemi per quanto riguarda la definizione del futuro standard di trasmissione, sara' comunque necessario avere prodotti elettronici realizzati in Hd. Essi infatti potranno essere utilizzati, come il 35 mm, per tutti gli standard presenti e futuri e per tutti i formati presenti e futuri. Lo dice Francesco Pinto, responsabile dei programmi sperimentali. per questa ragione la Rai considera ormai conclusa la fase sperimentale e ha dato avio a una intensa produzione di programmi che - una volta convertivi in Pal, cosi' da essere ricevuti anche da normali apparecchi - possono essere immediatamente utilizzati per la messa in onda.

Questa strategia si e' concretizzata in una doppia azione: dal punto di vista dell'hardware la Rai ha acquisito una linea completa di produzione e post-produzione in Hd che le permettera' di svolgere una autonoma e continuativa attivita' di produzione; dal punto vista dei programmi sono stati stabiliti una serie di accordi con le Reti e con il Dse per la realizzazione in Hd delle cosiddette trasmissioni ''divqualita''' (musica, documentari, fiction, ecc.) che abbiano cioe' un alto valore di magazzino e che dunque possano essere utilizzate, olte che nell'immediato, anche in futuro per la trasmissone con i nuovi standard. tutto cio' e' stato possibile soprattutto grazie all'ampia collaborazione di tutti i settori aziendali coinvolti in questi progetti: in primo luogo il supporto Tecnico, il cptv di Milano e il laboratorio Tecnico di torino, che sono stati i partners ''storici'' per l'attivita' del nostro settore, ma anche le Reti tv, che stanno dimostrando grande disponibilita' e notevole interesse verso questo tipo di produzione.

da questo progetto deriva anche il ''marchio di fabbrica'' delle nostre produzioni: la realizzazione di programmi di qualita' che forse potranno rappresentare una sorta di ''esempio'' per la tv di domani. (segue)

(com/as/adnkronos)