I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

BRUXELLES. La Nato ha deciso oggi a Bruxelles il ricorso alla forza per aiutare l'Onu a far garantire il rispetto della no-fly zone sulla Bosnia Erzegovina. A renderlo noto e' stato il segretario generale della Nato, Manfred Woerner, annunciando l'intenzione di comunicare la decisione al segretario generale dell'Onu, Butros Butros Ghali. IL LEADER SERBO KARADZIC, PARLANDO AL PARLAMENTO DELL'AUTOPROCLAMATA REPUBBLICA SERBA DI BOSNIA, HA DETTO CHE IL PIANO DI PACE VANCE-OWEN PER L'EX JUGOSLAVIA E' ACCETTABILE ALL'80 PER CENTO, RISERVANDOSI COMUNQUE DI AVVIARE TRATTATIVE DIRETTE CON MUSULMANI E CROATI. E' INTANTO UFFICIALE LA NOMINA DEL MINISTRO DEGLI ESTERI NORVEGESE, THORWALD STOLTENBERG, A NUOVO COPRESIDENTE DELLA CONFERENZA DI PACE IN SOSTITUZIONE DI CYRUS VANCE.

SARAJEVO. Violenti scontri a fuoco sono avvenuti nella regione orientale di Srebrenica. Il bilancio e' di nove morti e 17 feriti. Nella zona sono stati avvistati elicotteri serbi, che non hanno pero' preso parte direttamente alle operazioni. Le truppe serbe hanno inoltre lanciato un violento attacco contro la citta' di Zepa, scatenando scontri che hanno provocato la morte di quattro persone.

Maputo. Con l'arrivo dell'ultimo scaglione del contingente 'Albatros', si e' concluso il trasferimento in Mozambico del corpo di spedizione italiano, composto da 1052 militari. I nostri soldati sono incaricati di presidiare il corridoio terrestre di Beira, striscia di terra che dal mare conduce fino allo Zimbabwe, di importanza strategica per l'economia del Paese. I militari dell' 'Albatros' si inquadreranno in un piu' ampio contingente multinazionale che controllera' sotto l'egida dell'Onu il rispetto degli accordi di cessate il fuoco siglati a Roma nello scorso ottobre tra il governo del presidente Joaquim Chissano e il movimento di opposizione armata Renamo di Alfonso Dhlakama.

BERLINO. E' scattato un nuovo allarme ecologico A FRANCOFORTE, dove una nube tossica di acido solforoso si e' liberata nell'ambiente in seguito ad un'esplosione di una condotta di olii nello stabilimento principale del gigante chimico tedesco ''Hoechst'', gia' protagonista negli ultime settimane di numerosi altri gravissimi incidenti. Le autorita' hanno invitato i cittadini a non uscire di casa e a non aprire porte e finestre, in quanto i soggetti che entrano in contatto con l'acido possono riportare da lievi irritazioni fino a ustioni della pelle. A causa della pioggia che cade da stamattina su Francoforte non e' poi possibile escludere la contaminazione del terreno.

KHARTOUM. Le FORZE non governative impegnate nel Sudan meridionale nell'operazione umanitaria delle Nazioni Unite hanno dovuto riparare in Kenya a causa degli scontri tribali scoppiati tra i ribelli dell'Esercito di Liberazione del Popolo Sudanese. gli scontri vedono di fronte le fazioni dell'Spla ''Torit'', guidata dal colonnello di etnia Dinka John Garang, e DEL ''Nassir'', capeggiata dal Nuer Riek Machar. (SEGUE)

(RED/zn/adnkronos)