ITALIA NOSTRA: ''L'UNIVERSITA' CONTRO L'URBANISTICA'' (2)
ITALIA NOSTRA: ''L'UNIVERSITA' CONTRO L'URBANISTICA'' (2)

(ADNKRONOS) - E ancora una volta i lavori sono partiti senza averli prima concordati con la Soprintendenza archeologica -che ha frattanto chiesto il blocco del cantiere- e dopo i precedenti 'sfondamenti' al Porticus Liviae (Colle Oppio) e al Castro Laurenziano.

La nuova area d'espansione -osserva infine Italia Nostra- e' caratterizzata dalla presenza di piante monumentali che sarebbero sacrificate insieme ai volatili ''di svernamento e di passo'' del genere Parus (Cincie) e da due coppie superstiti di Gufo selvatico.

Per Italia Nostra -forte anche del sostegno degli abitanti della zona scelta da ''La Sapienza'' per la nuova espansione- l'Universita' di Roma ''deve mostrare senso di responsabilita', rivedendo l'intera situazione e, se del caso, rinunciando a queste nuove opere, anche nel quadro del riutilizzo degli spazi che saranno liberati primariamente dall'Istituto Superiore di Sanita' e quindi dai trasferimenti dei Ministeri nello SDO (Sistema Direzionale Orientale)''.

Anche ''il Comune di Roma deve bloccare a sua volta i lavori e fare i necessari approfondimenti''.

(Pal/BB/ADNKRONOS)