VOLONTARIATO: CIOTTI (2) - CULTURA DELL'INFORMAZIONE
VOLONTARIATO: CIOTTI (2) - CULTURA DELL'INFORMAZIONE

(Adnkronos) - Data la potenza dei mezzi informativi c'e' il rischio di assuefarsi non solo ai fatti che provocano la nostra indignazione ma anche alla nostra stessa indignazione''. Secondo Ciotti quindi occorre prendere le distanze da una solidarieta' che si trasforma ''in merce'' oltre la solidarieta' ''corta'' (che guarda cioe' al contingente e al piccolo orto) e andando verso una solidarieta' ''strabica'' ponendo la propria attenzione non solo alla persona e ai suoi problemi ma anche alla situazione sociale politica e culturale tornando ad un a dimensione di solidarieta' ''del villaggio''.

Il mezzo fondamentale ha concluso il responsabile del gruppo Abele e' quindi l'educazione, la cultura E l'informazione. ''occorre -ha concluso Ciotti- investire sui giovani non piu' come problema ma come risorsa per il futuro offrendo loro tutti i mezzi e tutte le informazioni''.

(STE/AS/ADNKRONOS)