REFERENDUM: COMM. VIGILANZA RAI (2)
REFERENDUM: COMM. VIGILANZA RAI (2)

(ADNKRONOS)- ''3) Nell'ambito dei faccia a faccia la scelta dei singoli soggetti partecipanti e' stata, come e' sempre avvenuto, rimessa all'apprezzamento della direzione tribune che, nel rispetto delle direttive approvate dalla commissione, opera in questo caso sulla base di criteri tecnico-giornalistici''.

''4) La commissione ha ritenuto di concedere anche a rappresentanti non partitici del No, i cosiddetti comitati per il No, la possibilita' di illustrare le loro opinioni in modo che l'informazione dei cittadini in materia fosse la piu' completa e il loro voto del 18 aprile il piu' consapevole''.

''5) La commissione ha impegnato la Rai a inserire, anche nelle maggiori trasmissioni di intrattenimento o di dibattito culturale e politico, 'faccia a faccia' tra rappresentanti del Si' e del No in aggiunta alle tribune e in condizioni di assoluta pariteticita'''.

''6) La commissione ha ottenuto dalle grandi emittenti televisive commerciali spazi di tribuna referendaria per i rappresentanti del Si' e del No, secondo gli stessi criteri di imparzialita' e di equilibrio dettati al servizio pubblico''.

''7) E' paradossale sostenere che i comitati promotori non abbiano avuto adeguati spazi, dal momento che piu' di ogni altro gli onorevoli Pannella e Segni appaiono sugli schermi televisivi e sono presenti nelle trasmissioni radiofoniche di tutte le emittenti e di tutte le reti''.

(Red/gs/adnkronos)