CASO KING: GIURATO MALATO, SOSPENSIONE
CASO KING: GIURATO MALATO, SOSPENSIONE

LOS ANGELES, 15 apr. (adnkronos/dpa) - Los Angeles ancora con il fiato sospeso: si e' ammalato uno dei 12 giurati -4 donne, due uomini, dei quali nove bianchi, due neri e un ispanico- riuniti per emettere il verdetto sul caso Rodney King, l'automobilista nero arrestato il 3 marzo del 1991 e bastonato selvaggiamente da quattro poliziotti, che lo scorso anno vennero assolti nonostante la prova schiacciante di un video amatoriale che mostrava King impotente sull'asfalto malmenato per oltre due minuti a calci e manganellate, per l'esattezza 52.

La giuria tornera' a riunirsi questa mattina (il pomeriggio in Italia). Lo ha annunciato il giudice federale John Davis, che ha convocato gli oltre 750 giornalisti giunti da tutto il mondo nella citta' degli angeli per coprire le ultime battute del processo. Ma ha omesso di chiarire se sostituira' o meno il giurato colto da malore. Un'eventualita' questa che ha scatenato le immediate reazioni delle stampa, che teme che in questo modo il verdetto possa essere piu' clemente, e dei legali dei quattro poliziotti, che contestano la legalita' della procedura.

Il verdetto del 30 aprile 1992 provoco' una vera e propria rivolta, che si concluse con un bilancio tragico di 58 morti, oltre duemila feriti e danni stimati nell'ordine di un miliardo di dollari. Gli agenti, Stacey Koon, 42 anni, Laurence Powell, 30, Theodore Briseno, 40, e Timothy Wind, 32, processati ora per violazione dei diritti civili rischiano dieci anni di carcere e un'ammenda di 250 mila dollari.

(iac/PE/ADNKRONOS)