SUDAFRICA: TRANQUILLI (2) - STRATEGIA DELLA TENSIONE
SUDAFRICA: TRANQUILLI (2) - STRATEGIA DELLA TENSIONE

(adnkronos) - Meno ottimista il commento di Rodolfo Magni, vicepresidente onorario della Camera di Commercio Italo Sudafricana ed imprenditore tessile fiorentino residente da 42 anni in Sudafrica. ''Quella di ieri e' stata una giornata un tantino tragica, soprattutto a Citta' del Capo, una zona solitamente tranquilla -riflette Magni- il governo ha commesso un grave errore nel non aver avuto l'idea di partecipare al cordoglio della nazione nera per questo assassinio, spiacevole dal punto di vista umano e insensato dal punto di vista politico, un gesto da strategia della tensione che non ci voleva: lunedi' ci saranno i funerali di Hani e noi tocchiamo ferro''.

L'imprenditore tessile italiano si dice ''pessimista per il presente ed ottimista per il futuro: Mandela ha indubbiamente del carisma, ma un governo a pieno comando nero non potra' fare del bene'' ad un paese dal quale si registra una continua fuga di ''cervelli bianchi''. Ma, conclude Magni, ''io non mi muovo: ho qui tre figli ed otto nipoti''.

(lun/zn/adnkronos)