ANDREOTTI: LA PAROLA AL SENATO (3)
ANDREOTTI: LA PAROLA AL SENATO (3)

(Adnkronos) - Nel commentare il voto di oggi i commissari scudo crociati non nascondono il malumore, mentre quelli delle opposizioni parlano di decisione che segna la 'storia' del nostro Paese. ''La maggioranza della giunta non ritiene -afferma il commissario dello scudo crociato ..... Mora- che Andreotti sia colpevole e per questo si e' espressA in favore della richiesta di autorizzazione a procedere. La lettera che oggi lo stesso senatore ci ha inviato e' stata determinante e per questo quella che e' nata e' una maggioranza 'tecnica': la giunta e' esattamente divisa a meta'. Se il presidente avesse formulato la sua proposta in senso diverso allora ai voti avrebbe prevalso la posizione opposta...''.

''Ma che soddisfazione... questa decisione e' stata angosciante, soprattutto per noi dc e in particolare per chi, come me, di Andreotti e' stato sottosegretario. Oggi ci siamo astenuti -fa eco Giovanni Coco- perche' riteniamo infondate le accuse ma vogliamo dare un segnale di solidarieta' a quei magistrati che lottano in prima fila contro la mafia. L'atteggiamento della Dc in Senato non cambiera': il voto sara' sempre secondo coscienza''. Diverse le reazioni in casa della Quercia. ''Noi -dice il presidente dei commissari del Pds Antonio Franchi- non abbiamo espresso una sentenza di condanna ma abbiamo ritenuto che l'azione dei giudici di Palermo sia seria, responsabile e non persecutoria. Ci auguriamo che l'aula del Senato confermera' questo voto in Parlamento. Finalmente oggi e' venuto dai politici un segnale di sintonia con la gente''.

Di ''voto importante'' parla anche la senatrice Pedrazzi mentre il socialista Giorgi, perno dei voti in commissione, sottolinea l'importanza del ''voto veramente di coscienza'' di ciascun commissario e della ''maggioranza tecnica'' che si e' formata. ''Sono gesti -dice- che non vanno piu' tanto di moda. Votare per l'autorizzazione a procedere a me non ha dato una particolare soddisfazione... era pero' d'obbligo, in un caso del genere, un voto secondo coscienza per dare alla gente un segnale importante''.

(Gsm-Tor/BB/ADNKRONOS)